Dipinto di voci

dipinto di voci.jpg

CONCETTO DI PRESENTAZIONE: Dipinto di Voci nasce dal desiderio di condividere con lo spettatore la fase di creazione del dipinto. Qualsiasi dipinto contiene un movimento che l'emozione dell'artista rappresenta con il colore. Chi osserva il dipinto non sempre sa spiegare perché è attratto o meno da quell'opera e spesso ha bisogno di qualcuno che gli dia indicazioni per capirlo. Altre volte pensa di non essere in grado di capirlo e utilizza una frase molto comune tipo: ma io non capisco nulla di Arte. Con questa performance vorrei avvicinare le persone all'arte per quello che realmente e semplicemente è (o dovrebbe essere) cioè emozione, capacità di emozionarsi. Il gesto e di conseguenza il segno che l'emozione del momento dettano sono visibili e facilmente comprensibili da tutti e da questa semplice verità nascono i quadri della performance. La voce da un senso ancora più completo al gesto e l'insieme delle voci creano un'atmosfera particolare. 

 

 LA PERFORMANCE: Creazione in diretta di una serie di quadri dove il gesto dettato dal suono/voce diventa soggetto stesso del quadro. I suoni vocali creati in diretta dall'artista diventano una base musicale che si arricchisce sempre più durante la performance grazie all'uso di una loop station.  

SOGGETTO: Questo tipo di performance è di per sé un "mezzo" per esprimere emozioni, desideri, bisogni e per questo si presta ad essere utilizzata in diversi temi o contesti.

DURATA: 15/30 min

Ritorno alle Origini

r2.jpg

RITORNO ALLE ORIGINI

Questa performance di movimento e suono vocale è un viaggio all’origine della Libertà e della Gioia attraverso ciò che il corpo sente, percepisce ed elabora. Vuole portare lo spettatore a immedesimarsi in quello che vede e sente per sperimentare insieme i vari stati della Gioia e della Libertà.

E’ divisa in più fasi evolutive:

  1. ISTINTO D’ORIGINE. Dalla Madre Terra sale un suono primordiale che vibra nella sfera bassa del corpo conducendoci nelle profondità del nostro inconscio in un primo momento e rivitalizzando l’energia terrena e originaria in un secondo passaggio. In questa fase verrà sperimentata una Gioia Impulsiva di puro stato energetico.

  2. ESPLORAZIONE D’ESSERE. Il respiro si risveglia e ha fame di conoscenza. Vuole scoprire, capire, cercare e appropriarsi della propria presenza, per poi entrare a far parte del tutto. In questa seconda fase la Gioia sarà alimentata dalla voglia di scoprire, esplorare, rielaborare ciò che è emerso ed infine si esprimerà nella realizzazione di esistere e nel bisogno di condividerlo.

  3. CONSAPEVOLEZZA. La scoperta della propria presenza aumenta la consapevolezza del proprio corpo, delle proprie azioni e delle possibilità infinite che il futuro presenta. E’ con questa definizione (possibilità infinite) che la libertà entra in gioco e diventa artefice del qui ed ora. Ho chiesto alla mia espressione di ascoltare il movimento, il corpo, il bisogno, sensazioni, odori, ricordi, emozioni, vibrazioni e di esprimere tutto ciò che la parola non riuscirebbe a fare in così breve tempo. Quindi ciò che si svilupperà in questa fase sarà la piena libertà di essere con le sue mille sfumature che avvengono, una dietro l’altra, a velocità impercettibile. Un gioco, un essere in ascolto, un captare tutto ciò che apparentemente potrebbe sembrare sconnesso perché non segue regole o ritmi imposti. Una Gioia espressiva che si diverte a diventare reale nel momento stesso in cui viene percepita.

  4. LA PORTA. Da dentro la Libertà e la Gioia possono convivere in armonia e spensieratezza... ma una porta crea la svolta. Un’ulteriore possibilità. Entro. Sono nel pubblico e osservo ciò che stava avvenendo nella performance (senza il mio corpo restano solo i suoni in loop).. La guardo distaccata, in silenzio e immobile come tutti gli altri spettatori... poi chiudo la porta e chiudendo il loop si arresta. Resto nel pubblico in silenzio aspettando un qualcosa. Provo ad aprirla e invitare qualcuno ad entrare.. poi la richiudo e resto fuori. Lasciando una serie di quesiti in sospeso: ma è finita? è finita così? è rimasta fuori? ha preferito restare fuori? il dentro era reale? perché è uscita? e chissà quali altri ancora..                                                                            DURATA: 15/20 min